27 / set / 2016
Stanze al Genio
Un viaggio nella Casa-Museo delle maioliche

Mio caro Jurnale,

oggi desidero raccontarti la storia di come una passione per il collezionismo possa trasformarsi in un posto magico, affascinante, fatto di bellezza e magia.

Sto parlando della Casa-Museo “Stanze al Genio”, la più grande collezione di maioliche al mondo ospitata all’interno del settecentesco Palazzo Torre Pirano a Palermo. Il collezionista, Pio Mellina, negli ultimi 30 anni ha collezionato circa 3000 mattonelle napoletane e siciliane, decorate in ceramica tra il 1500 e il 1900. E ha deciso di condividere la sua passione e aprire il suo tesoro personale al grande pubblico per offrire ai visitatori un viaggio nei secoli e nell’arte della ceramica.

 

2_compress

 

Il collezionista mi ha raccontato che già da bambino aveva quest’amore smisurato per le maioliche e, infatti, le raccoglieva per strada e in giro per mercati e mercatini. Le mattonelle per lui erano un po’ come le figurine, ha iniziato così per gioco e, col tempo, la sua collezione si è allargata fino a trovare il suo degno spazio espositivo nella casa in cui lui stesso vive. La Casa Museo “Stanze al Genio” è gestita dall’Associazione Culturale nata proprio con lo scopo di valorizzare e rendere fruibile al pubblico l’incredibile patrimonio storico-culturale delle maioliche antiche. È un posto autofinanziato, un’iniziativa privata che non beneficia di alcun contributo istituzionale, ma esiste grazie alle campagne di tesseramento, al contributo dei soci e a donazioni private. E, soprattutto, grazie alla passione di chi ha capito che l’arte è ancora più bella se condivisa.

 

3_compress

 

L’effetto ipnotico delle maioliche sulle pareti, l’energia trasmessa dai colori delle mattonelle e il fascino senza tempo di questo tesoro riesce a lasciare tutti senza parole, in silenzio a contemplare ciò che la maestria secolare degli artigiani ha saputo rendere bellezza pura.

 

E, per noi di Fornace De Martino, far vivere l’arte è una missione che teniamo a cuore da sempre.